“LA MEMORIA NEI CASSETTI”

Ha aperto il 27 novembre la mostra fotografica “LA MEMORIA NEI CASSETTI”PERUGIA 1944-1970 allestita presso gli spazi espositivi del museo civico di PALAZZO PENNA. L’esposizione è il frutto di una raccolta di immagini  promossa nei mesi scorsi dal comune di PERUGIA-assessorato alle politiche sociali e alla cultura-alla quale hanno partecipato numerosi cittadini, ma anche enti, istituzioni e attività commerciali. Si tratta per la maggior parte di materiale inedito, attraverso cui sarà possibile leggere la storia della città dalla liberazione (1944) alla nascita della regione (1970) due tappe fondamentali che hanno inciso profondamente nel evoluzione  della comunità perugina e umbra.La mostra,curata da ALBERTO MORI, in collaborazione con LUIGI PETRUZZELIS, nasce con l’esplicito obiettivo di creare e valorizzare un vero e proprio patrimonio partendo da materiale “sommerso” essendo gli scatti che compongono l’esposizione appartenenti alla sfera strettamente privata e personale: divengono ora memoria collettiva e condivisa. Entrando a PALAZZO PENNA sono circondato da vecchie fotografie in bianco e nero e le prime impressioni sono di stupore nel vedere  che in passato PERUGIA sia stata una città così semplice ma allo stesso tempo molto interessante per le sue varie sfaccettature. Mi colpisce il sorriso di tutte le persone fotografate e il senso di unione e libertà che mi trasmettono. Tutto ciò mi fà tornare indietro con la mente, apro il mio cassetto di ricordi e c’è lì la mia infanzia quando si facevano feste di quartiere in un atmosfera bellissima e la città trasmetteva un senso di sicurezza e sincerità che osservandola ora si fa fatica a credere. Guardando questi scatti fotografici mi viene un pò di nostalgia e vorrei tanto che PERUGIA tornasse ad essere come era anni fa ma in fondo, pensando a tutto il degrado che c’è ora,mi rendo conto che tutto ciò è solo un’ utopia.

Annunci
Digressione | Pubblicato il di | Lascia un commento